burn residency

The Ark Cruise 2017 Credits Rudgrcom

Dopo il sold-out dello scorso anno, la crociera dance The Ark torna nel 2018 con una doppia edizione e ben sei differenti possibilità di partenza. Come nel 2017, The Ark parte da Barcellona e passa da Sète, Ibiza e Maiorca: si parte dal 30 agosto e si naviga sino al 7 settembre, con possibilità di scendere prima, sia il 2 sia il 3 settembre, così come la canonica sosta ad Ibiza – prevista sia il 1 sia il 5 settembre – durerà dalle 11 di mattina alle 2 di notte. Tra le altre novità di quest’anno, workshop e uno stage dedicato a BURN Residency, dove i finalisti si esibiranno in modo da poter eleggere il vincitore 2018, che riceverà un contratto di management ed un investimento pari a 100mila euro per consentirgli di sviluppare al meglio la sua carriera. La line up di quest’anno non è stata ancora rivelata: nel 2017 hanno partecipato tra gli altri Sven Väth, Claptone e 2MANY DJS. Prezzi per partecipare a The Ark a partire da 549 euro. Foto Rudgrcom

more info: www.theark.cruises

join spadaronews on facebook: www.facebook.com/spadaronews

 

 

BURN 2017 finalisti 900x600

C’è tempo sino a martedì 20 marzo per partecipare all’edizione 2018 di BURN Residency, competizione che coinvolge aspiranti dj provenienti da Russia, Turchia, Italia, Norvegia, Polonia, Romania, Spagna, Ungheria, Brasile e Svezia. Un’opportunità unica, il cui programma completo sarà rivelato nelle prossime settimane. I fortunati finalisti potranno esibirsi nei migliori club di Ibiza e apprendere l’arte del djing da un team di autentici mentori, che negli anni passati ha visto partecipare personaggi dello spessore di Pete Tong, Seth Troxler e Loco Dice. Il vincitore assoluto riceverà un premio di 100mila euro per avviare la sua carriera. Nel 2017 la vittoria è andata al turco Furkan Kurt (il primo da sinistra nella foto di Mark Sethi, insieme agli altri due finalisti Lorenzo De Blanck e Dualtic) nel 2016 all’italiano Lollino, poi diventato resident in festival come Movement e Hyte, senza dimenticare le sue serate all’Amnesia di Ibiza e il suo radioshow su Ibiza Sonica. La prova provata che con BURN Residency si può arrivare molto lontano. Tutti i dettagli per iscriversi sul sito ufficiale di BURN.

more info: www.burn.com

join spadaronews on facebook: www.facebook.com/spadaronews

BURN 2017 finalisti 900x600

È il dj e produttore turco Furkan Kurt il vincitore dell’edizione 2017 di BURN Residency, che ha superato gli altri due finalisti, l’italiano Lorenzo De Blanck e il francese Dualitic, al termine di una serie di selezioni e panel che hanno visto tra i mentori Carl Cox, Pete Tong e Luciano. Kurt si aggiudica un contratto del valore di 100mila euro, che saranno investiti per lo sviluppo della sua carriera artistica e discografica. Ben 10mila i partecipanti provenienti da 26 nazioni all’edizione 2017 di BURN Residency: 16 i partecipanti ai bootcamp ibizenchi, così come non sono mancate loro le opportunità di suonare in festival di riferimento quali Kappa FuturFestival e Alfa Future People e nei migliori club ibizenchi.

more info: www.burn.com

join spadaronews on facebook: www.facebook.com/spadaronews

pete tong @ burn residency 900x600

The Undeground è il tema del nuovo film di Burn Residency e della serie Residency Stories, con la partecipazione di Pete Tong (nella foto), Seth Troxler e Loco Dice. Il tema scelto è la dimensione underground della musica dance, dalle sue origine nel 1987 ai giorni nostri; il film è stato girato a Ibiza, dove si stanno svolgendo le finali dell’edizione 2017 di BURN Residency.

Le origini della musica Underground hanno molto in comune con quelle del punk – spiega Pete Tong – L’irrompere sulla scena musicale di acid house e dei rave sono stati autentici momenti di svolte, dove in pratica tutto è cominciato e ripartito da zero”.

Nei precedenti episodi di Residence Stories, sono stati protagonisti tra gli altri Carl Cox, Apollonia e i Martinez Brothers.

more info: www.burn.com/it/it/news

join spadaronews on facebook: www.facebook.com/spadaronews

Burn Residency @ IMS 2017

Martedì 23 maggio autentico warm up per l’International Music Summit di Ibiza, in programma all’Hard Rock Hotel da mercoledì 24 a venerdì 26. Martedì 23 – sempre all’Hard Rock Hotel – sono in programma infatti le Burn Residency Sessions, con tanti di masterclass che vedono protagonisti Pete Tong e Warner Music Group. E dalle 18 a mezzanotte di martedì va in scena il pre-party di IMS, con Pete Tong, Sasha, Behrouz e H.O.S.H.

more info: www.internationalmusicsummit.com

join spadaronews on facebook: www.facebook.com/spadaronews

 

burn residency finalisti italiani 2017

È Lorenzo de Black il vincitore delle finali italiane di Burn Residency, svoltesi sabato 22 aprile all’Audiodrome di Torino. de Blanck (nella foto insieme agli altri finalisti, il secondo da sinistra), succede a Lollino, capace lo scorso anno di aggiudicarsi le selezioni italiane e poi di risultare il primo classificato nella Burn Residency assoluta, ed accede così ai bootcamp ibizenchi, ovvero una residency di sei settimane a Ibiza con docenti quali Carl Cox, Pete Tong e John Digweed, serate in Europa e un premio finale per il vincitore consistente in un contratto di 100mila euro, quale investimento sulla sua carriera da dj. E come sempre, che vinca il migliore!

more info: www.burn.com/it

join spadaronews on facebook: www.facebook.com/spadaronews

 

 

 

Lollino Burn_Marc Sethi_Kinc--2

Sono ufficialmente aperte le iscrizioni a BURN Residency, la più grande competizione al mondo per dj, in grado di offrire ai talenti emergenti opportunità uniche: una residency di sei settimane a Ibiza con docenti quali Carl Cox, Pete Tong e John Digweed, serate in Europa e un premio finale per il vincitore consistente in un contratto di 100mila euro, quale investimento sulla sua carriera da dj. Lo scorso anno è stato l’italiano Lollino (nella foto di Marc Sethi_Kinc) ad aggiudicarsi la vittoria, che gli ha già fruttato un contratto con l’agenzia Ask My Management e djset in festival di livello quali Movement di Torino e Hyte a Berlino.

L’iscrizione a BURN Residency 2017 avviene su Mixcloud, dove gli aspiranti candidati possono caricare i loro mixati, che saranno ascoltati e scelti dagli iscritti alla piattaforma; si passerà così alla prima selezione. Seguirà la fase mix-off, ovvero le eliminatorie nazionali, dalle quali usciranno ventisei finalisti e i vincitori dei rispettivi mix-off nazionali; questi ultimi parteciperanno alla prima fase del bootcamp ibizenco, una prova di quattro giorni, al termine della quale resteranno i sedici finalisti veri e propri. In questa fase, i concorrenti seguiranno lezioni, seminari e master class e affronteranno diverse sfide di produzione ed esibizione. I migliori tre saranno diventeranno resident a Ibiza per sei settimane e il vincitore assoluto sarà incoronato in concomitanza con i closing party di Ibiza.

more info: www.burn.com

join spadaronews on facebook: www.facebook.com/spadaronews